• zucchero e caffè

Zucchero aromatizzato

Due sono gli ingredienti protagonisti negli ultimi anni di numerosi studi e pubblicazioni riguardo alimentazione e consumi: zucchero e sale. Come studente mi è capitato spesso di incontrarli e come pasticcere amatoriale li uso sempre, in entrambi i casi mi sono reso conto che sono preziosi, in tutti i sensi. Sebbene molto accessibili e disponibili, dovremmo vederli e usarli come anticamente veniva fatto dai nostri avi: con una via di mezzo. Perchè? Perchè per il nostro benessere se presenti in eccesso provocano danni visibili dopo un lungo periodo (non li elencherò nel dettaglio perchè non è la sede), per il gusto perchè se presenti in alta dose nelle preparazioni saturano le nostre papille e si alazano le nostre soglie di salato e dolce, per la sosteniblità in quanto la produzione di questi beni è gestita da poche multinazionali e – sebbene non voglio fare polemiche e giudizi – l’energia spesa per produrli è alta.

Insomma amiamo questi ingredienti perchè danno più “sapore” alla nostra quotidianità ma trattiamoli come dei gioielli: conserviamoli; per questo vi propongo lo zucchero aromatizzato, la conserva più facile che ci sia.

Strumenti necessari: un vaso di vetro di capienza a piacimento.

Ingredienti:

– zucchero semolato e/o di canna.

– spezie miste, Dolcintasca consiglia: cannella, cardamomo, chiodi di garofano, vaniglia in bacche, pepe rosa e caffè (non è una spezia ma fa la differenza).

Pulire il vaso con acqua corrente e disinfettarlo con alcool alimentare a 70 o 90 gradi; lasciare evaporare i residui alcolici all’aria.

Mischiate gli ingredienti delicatamente in una ciotola cercando di non rompere nè le stecche di cannella nè i chicchi del caffè perchè risulteranno fastidiosi al momento del consumo. Mettete il composto in un vaso e lasciatelo in un ambiente fresco ma non umido possibilmente non a contatto con luce diretta; mischiate una volta a settimana il composto per distribuire in modo omogeneo le spezie e per controllare che non vi sia formazione di granuli o -in casi rari- la presenza di eventuali contaminanti quali insetti (a tale scopo chiudete sempre con attenzione il vaso).

Lasciate il vaso a “riposare” per lameno 10 giorni. Se decidete che sarà abbastanza aromatizzato, passatelo al setaccio un numero di volte tali per cui risulti privo di tracce di cannella o altre parti vegetali (vd bacca di vaniglia o cuticola del pepe).

CONSIGLI MANGERECCI

Essendo zucchero potete usarlo OVUNQUE: nel thè, negli impasti, su prodotti appena cotti per creare una crosta dolce, nello yogurt, mischiato al cacao per spolverizzare e decorare… veramente ovunque.

Io amo molto le spezie e posso consigliare di fare un caffè con una miscela solubile di caffè liofilizzato nel quale mettere a bagno alcune o tutte le spezie usate nella conserva e di dolcificarlo con lo zucchero aromatizzato. Poi potete consumarlo come tale o usarlo per fare un ottimo tiramisù.

Aggiungo il link di un’azienda inglese produttrice di zuccheri non raffinati molto interessanti: http://www.billingtons.co.uk/

Siate sempre dolci ma con misura!

Comments

commenti

Voto Ricetta

  • (5 /5)
  • (1 Voto )

Istruzioni

No Steps Found !

Sullo Chef

Dolcintasca

Andrea pasticciere e pasticcione, romantico e razionale, confuso e felice....